Trump, 529 milioni di dollari in 15 mesi: così funziona l’impero del tycoon

Dal gennaio del 2016 all’aprile scorso, periodo che comprende dunque anche i primi tre mesi alla Casa Bianca, Donald Trump ha incassato 529 milioni di dollari. È quanto emerge da un documento di 98 pagine diffuso dall’Ufficio etico federale americano, che elenca in dettaglio redditi ed entrate del presidente degli Stati Uniti, chiarendo meglio i contorni del suo vasto impero finanziario.

f_trump_release2_161123.nbcnews-ux-1080-600

Dal documento firmato dallo stesso Trump tre giorni fa, emerge che, nei 15 mesi considerati, solo dalle attività dei suoi golf club ha incassato 288 milioni di dollari, mentre il resort di Mar-a-Lago, la Casa Bianca della Florida, dove ha ospitato molti leader stranieri, tra cui il presidente cinese Xi Jinping, gli ha fruttato 37,2 milioni, 7,4 milioni in più rispetto a quanto dichiarato nel maggio del 2016.
Poco meno di 20 milioni di dollari, per la precisione 19,7 milioni, sono le entrate provenienti dal suo hotel di lusso Washington, aperto nel settembre scorso, al centro di contestazioni per il possibile conflitto di interesse, con l’idea che alcuni governi stranieri possano preferire questo albergo in omaggio al presidente. Oltre sette milioni di dollari sono invece arrivati a Trump per i diritti d’autore, tra cui 1,5 milioni per il libro «Great again: how to fix our troubled America», mentre 11 milioni li ha incassati con l’organizzazione di Miss Universo.

Aurora Ramazzotti e l’amica: “È arrivato il momento di mandarlo a cagare”

Un video esilarante quello pubblicato sul suo profilo Instagram da Aurora Ramazzotti.
La figlia di Michelle Hunziker e Eros Ramazzotti si mostra una degna erede della mamma dalla quale ha sicuramente preso il senso dell’umorismo, la “chiacchiera” e la capacità di bucare lo schermo.

2510950_1127_aurora_ramazzotti_e_amica_arrivato_il_momento_di_mandarlo_a_cagare

“E’ arrivato il momento di mandarlo a cagare”, è un po’ il senso di questo mini show messo in atto con l’amica Sara Daniele dove le due ragazze avvertono le loro coetanee e soprattutto i maschietti a fare attenzione a come si esprimono nei messaggi whatsapp quando cercano di liquidare una possibile spasimante.
Una simpatica difesa delle donne. “Appello al quale siamo certe che si potranno relazionare molte donne: uomini, se pensate di fregarci inventando scuse del tipo “non mi è arrivato il messaggio” – spiega Aurora nel post – siete sulla strada sbagliata. Ci sarà sempre quell’amica maliziosa pronta a infilare non il coltello ma il machete nella piaga pur di farci capire che ci stiamo facendo prendere per i fondelli.
Io e la mia amica @saradanielee ne sappiamo qualcosa.
Inutile dire che è tutto frutto della nostra fervida fantasia, dunque tutti i riferimenti a fatti realmente accaduti sono puramente casuali.
A giudicare dalle foto è chiaro che si tratti solo di un gioco tra amiche anche perché Aurora sembra felicemente innamorata.

Morata e Alice sposi: il «Sì» è tra 400 ospiti con gli amici del bomber “Real” e della modella

Oltre 400 ospiti (per l’esattezza 415) per un matrimonio da fiaba. È iniziata sotto il sole con una mezzora di ritardo la cerimonia che ha unito la fashion blogger Alice Campello con Alvaro Morata, il bomber del Real Madrid. Attorno alla basilica del Redentore alla Giudecca, circa 200 fan e tifosi fermati da alcune transenne.

213123906-c8ba9ecb-a6f9-45f8-85aa-a836b1f29395

Doveva iniziare alle 17, ma la sposa è scesa dalla barca, sulla riva, alle 17.30. Un’attesa che è valsa la pena tra i tanti colori degli abiti degli invitati che l’avevano preceduta: Alice è arrivata in abito bianco a sirena con un lunghissimo strascico, coperta dal velo e con uno scollo a cuore, tutto ricamato di perline e Swarovski, accompagnata dal padre Andrea, il titolare della concessionaria Campello Motors.
Alvaro era sceso poco prima, in smoking blu con papillon, accompagnato dalla madre Susana. Tra gli ospiti vip il calciatore della Juventus Simone Zaza e la fidanzata Chiara Biasi, i calciatori Nacho Fernandez, Isco e Daniel Carvajal. E ancora…